Tecnologia UVC

Emettitori UV-C

Igienizzare grazie ai raggi UVC

Emettitore UV-C

La luce è una delle molte fonti di energia sotto forma di radiazione: si estende dalle onde radio fino ai raggi cosmici ed é catalogata in 16 differenti tipi secondo la loro lunghezza d’onda.

La luce ultravioletta (UV) è un intervallo della radiazione elettromagnetica e presenta una lunghezza d’onda poco inferiore alla luce visibile dall’occhio umano, e leggermente superiore a quella dei raggi X.

La radiazione ultravioletta è suddivisa in tre bande di differenti lunghezze d’onda chiamate UV-A, UV-B e UV-C.
Le esatte lunghezze d’onda in base alle quali vengono definite le tre bande variano a seconda degli specifici ambiti di studio. La suddivisione più utilizzata è la seguente:

  • UV-A (315 – 400nm): hanno un basso livello energetico e sono responsabili dell’abbronzatura.
  • UV-B (280 – 315 nm): hanno un livello energetico superiore rispetto agli UV-A e provocano effetti nocivi non particolarmente gravi per l’organismo umano.
  • UV-C (200 – 280 nm): hanno un elevato contenuto energetico e possono essere impiegati in processi di disinfezione batterica.

L’effetto germicida è dovuto all’effetto distruttivo esercitato dalle radiazioni UVC sul DNA di batteri, virus, spore, funghi, muffe e acari: i raggi UVC, infatti, danneggiano il loro apparato riproduttivo e ne impediscono la diffusione. I raggi UVC hanno un forte effetto germicida e presentano la massima efficacia in corrispondenza della lunghezza d’onda di 253,7 nm (nanometri).

Possono gli UVC prevenire la trasmissione del COVID-19?

La risposta a questa e ad altre domande viene dal documento “IUVA Fact Sheet on UV Disinfection for COVID-19” (Studio sull’uso degli UV nella disinfezione e sanificazione da Covid-19) pubblicato dalla International Ultraviolet Association (IUVA).

Tutti i batteri e virus testati fino a oggi (diverse centinaia nel corso degli anni), comprendendo altri coronavirus, rispondono alla disinfezione degli UVC. La luce UV, specificatamente tra 200 e 280 nm, inattiva (ovvero uccide) almeno altri due parenti prossimi del virus COVID-19:

  1. SARSCoV-1 (causa della SARS);
  2. MERS-CoV (responsabile della Sindrome Respiratoria medio-orientale).

Leggi il documento

Scopri dove sono attualmente utilizzati i raggi UV-C.

Settore AUTOMOTIVE, strutture ospedaliere, industrie alimentari e farmaceutiche, sistemi di condizionamento dell’aria, sistemi di trattamento delle acque.

Opera in totale sicurezza, per te e i tuoi clienti.

Con COLIBRÌ-UVC riduci i tempi necessari per il trattamento dell'autovettura. Non avrai nessun contatto con l'abitacolo (no touch) e non c'è nessuna tossicità nella tecnologia utilizzata. Inolte non sono presenti rischi di usura o di deterioramento delle parti e dei materiali trattati. Le nostre lampade emettono alla lunghezza d’onda di 253,7 nm, sono testate e certificate ISO 9001, ISO 14001, UL, CE e sono MADE IN U.S.A.

Il prodotto